Ghiaccio Fragile edizione 2020 | Meridiani di Gianni Boschis | Geologia e turismo

Ghiaccio Fragile edizione 2020 Posted luglio 9, 2020 by admin

0

Quinta edizione del corso di formazione per docenti delle scuole secondarie di I e di II grado.

MODULO DI ISCRIZIONE

“GHIACCIO FRAGILE” è un progetto che nasce da un dottorato di ricerca in didattica ambientale. La ricerca ha messo in luce evidenti limiti nella normativa scolastica e nei libri di testo in relazione al tema dei cambiamenti climatici. Nell’ambito del progetto è stata testata una metodologia sperimentale, insieme alla più recente informazione scientifica sugli effetti che il surriscaldamento globale sta avendo sul territorio nazionale e alpino in modo più specifico. Il corso intende aggiornare gli insegnanti delle Scuole Medie e Superiori sull’emergenza climatica con un approccio interdisciplinare e una didattica innovativa finalizzata a promuovere concrete attività di educazione ambientale con gli studenti.

Edizione 2019: Rainews24 del 22 luglio

Edizione 2019: Rainews24 del 18 luglio

Obiettivi del corso

  • Informare, aggiornare gli insegnanti sul problema dei cambiamenti climatici rafforzando i legami tra l’argomento e gli aspetti scientifici, geografici, socio-economici, letterari ed etici insiti nei programmi;
  • integrare lo spazio dedicato dai libri di testo al problema a livello globale con un’informazione di carattere regionale, incentrata sull’evoluzione ambientale locale (contesto nazionale, alpino e regionale);
  • stimolare nuovi approcci didattici per sensibilizzare gli alunni in merito ai cambiamenti climatici ed alle loro relazioni con l’ambiente in cui viviamo e lo sviluppo sostenibile.

Contenuti

Il problema dei cambiamenti climatici coinvolge tutti gli ambiti della società con una emergenza in primo luogo documentata dalla rapidità con cui si sta manifestando. In questo contesto, seguendo le Linee Guida della Riforma espressa dal DPR 89 del 15.3.2010, la Scuola riveste un ruolo fondamentale per informare e sensibilizzare le giovani generazioni sulle cause, dinamiche ed effetti ambientali di tali cambiamenti, un processo che passa necessariamente attraverso una fase di aggiornamento degli insegnanti. Il percorso didattico è un importante momento formativo con modalità interattive e studio sul campo.

Nel corso verranno presi in considerazione i seguenti principali aspetti:

  • l’ambiente e le sue componenti e relazioni,
  • l’atmosfera e le sue dinamiche, il clima e le sue interazioni con il territorio (fenomeni meteo e idrogeologici), l’effetto serra naturale e antropico,
  • principali effetti dei cambiamenti climatici e modelli evolutivi a breve e medio termine,
  • i ghiacciai (continentali e polari) come indicatori dei cambiamenti climatici e archivi di dati (evoluzione del clima della Terra dal Pleistocene ad oggi),
  • i cambiamenti climatici in relazione all’ecosistema alpino,
  • metodologie e iniziative didattiche applicate agli argomenti trattati.

Modalità

Il corso è composto da:

  • 6 incontri di formazione di 2 ore ciascuno a cadenza settimanale, con orario pomeridiano o serale da definire non appena saranno rese pubbliche le nuove disposizioni scolastiche anti-Covid,
  • un week-end di escursioni a Courmayeur, articolato in 1 ora di introduzione venerdì 18 settembre, 8 ore di escursione sabato 19 settembre e 6 ore di escursione 20 settembre (15 ore),

per un totale di 27 ore di formazione.

Il corso si terrà in modalità online tramite la piattaforma MEET di Google.

Totale massimo partecipanti alle lezioni: 100 persone

Totale massimo partecipanti escursione: 25 persone

Programma

1° incontro: giovedì 10 settembre
I cambiamenti climatici: emergenza educativa tra ragioni storiche e conferme scientifiche
Gianni Boschis (geologo, docente di Geografia)

2° incontro: giovedì 17 settembre
Il surriscaldamento globale: strategie per un approccio didattico e creativo
Daniele Cane (docente di Fisica)

Stage su terreno*: venerdì 18, sabato 19, domenica 20 settembre
Escursioni guidate a Courmayeur: I ghiacciai del Monte Bianco visti da vicino.

Gianni Boschis, Mauro Palomba (geologo, Università di Torino), Fondazione Montagna Sicura, Franco Bonetto (geologo)

3° incontro: giovedì 24 settembre
I ghiacciai, cuore bianco e malato delle Alpi
Gianni Boschis

4° incontro: giovedì 1 ottobre
Gli ambienti polari, sentinelle dei cambiamenti climatici
Ricercatori del Museo Nazionale dell’Antartide

5° incontro: giovedì 8 ottobre
Gli impatti climatici sulla flora e sulla fauna
Barbara Rizzioli (naturalista e ricercatrice)

6° incontro: giovedì 15 ottobre
Esposizione proposte didattiche
Insegnanti partecipanti al corso – coordinamento: Gianni Boschis e Daniele Cane

*Stage sul terreno

venerdì 18 settembre: ritrovo ore 18,30 a Courmayeur, fraz. Entrèves, Canonica – Casa per ferie Santa Margherita, Strada La Brenva 8.
Intervento serale di introduzione all’escursione su ghiacciaio: 1 ora.
sabato 19 settembre: ritrovo ore 8 sul piazzale dello Skyway. Salita a Punta Helbronner in funivia ed escursione guidata sul Ghiacciaio del Gigante in cordata con le guide alpine. Visita degli spazi espositivi del Pavillon. Conclusione ore 16.
domenica 20 settembre: ritrovo ore 9 e trasferimento in auto in Val Veny: partenza a piedi per il Ghiacciaio e il Lago del Miage. Conclusione circa ore 15.

Scarica le schede descrittive delle escursioni:

Scheda escursione su ghiacciaio

Scheda escursione al Miage

Lo stage su terreno prevede: buono stato di salute e forma fisica: in particolare in relazione all’escursione sul Ghiacciaio del Gigante (quota media percorso circa 3.500 m).

Il programma potrebbe subire delle variazioni in funzione delle condizioni meteo.

Materiali didattici

Agli insegnanti accreditati sarà fornito l’accesso ai materiali appositamente preparati e caricati dai docenti del corso sulla piattaforma Drive di Google: essi consisteranno in pubblicazioni scientifiche, presentazioni multimediali e video.

Modalità del corso

Il corso si terrà in modalità online tramite la piattaforma Meet di Google. Ad ogni insegnante sarà assegnato un account del corso in modo da accedere direttamente alle lezioni online.

Costi

La partecipazione al corso è gratuita, eccetto che per lo stage a Courmayeur, il cui costo di 180 € comprende: 2 pernottamenti (portarsi federa e sacco a pelo), 2 cene, 2 colazioni, biglietto Skyway Monte Bianco, accompagnamento con Guide Alpine, assicurazione.

Adesioni

I docenti interessati possono iscriversi tramite il modulo on-line http://bit.ly/ghiaccio-fragile.

Chiusura iscrizioni prevista entro il 28 agosto 2020, salvo esaurimento posti disponibili: numero massimo partecipanti al corso: 100, dei quali 20 posti sono riservati agli insegnanti che prestano servizio nelle scuole dell’Ambito territoriale TO 06.

Numero massimo posti disponibili allo stage a Courmayeur: 25. Iscrizione vincolata all’ordine di domanda e, successivamente alla conferma, al versamento della quota di iscrizione di 180 €. Seguiranno indicazioni per gli interessati.

Informazioni

Sig.ra Daniela Truffo, 011 8613678 – daniela.truffo@cittametropolitana.torino.it;
prof. Gianni Boschis, 347 3205233 – gianni.boschis@meridiani.info;

A cura di:

Meridiani società scientifica, Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente dell’Università degli Studi di Siena
Liceo Scientifico Statale «Darwin» di Rivoli, Scuola Polo dell’Ambito territoriale TO 06, Ce.Se.Di. (Centro Servizi Didattici), Città Metropolitana di Torino

in collaborazione con:

La Stampa, Museo Nazionale dell’Antartide, Museo Nazionale della Montagna Duca degli Abruzzi – CAI di Torino, ANISN, AIIG, SMI, FIE, Centro Addestramento Alpino – Scuola Militare dell’Esercito, Fondazione Montagna Sicura, Società delle Guide Alpine di Courmayeur, Skyway Monte Bianco, Casa per Ferie Santa Margherita, ITC Galilei di Avigliana, Liceo Pascal di Giaveno, Fondazione Saussurea Onlus

con il patrocinio di:

Comitato Glaciologico Italiano, Associazione Italiana di Geologia e Turismo, Museo di Geografia Comune di Courmayeur, Regione Piemonte, Assessorato Istruzione

Iniziativa di formazione co-finanziata con i fondi PNFD del MIUR.